mercoledì 8 aprile 2015

DIAMO VOCE ALLA BOLOGNA MIGLIORE - Lunedì 13 aprile ore 20,45 - Hotel Europa


“Uniti per Bologna”. Per informazioni: Roberto Sgarzi. 349 5251694

****************************************************************************************

 Incontro organizzato e voluto da “Uniti per Bologna”.
UN INVITO: DIAMO VOCE ALLA BOLOGNA MIGLIORE
Diamo voce a quei bolognesi che, con abnegazione, si dedicano alla rinascita della nostra Città.
Lunedì 13 aprile 2015. Ore 20,45. Sala delle conferenze, Albergo Europa.  Via Boldrini 11 Bologna
Argomento:
Bologna, dove vai? Sotto sopra il cuore di Bologna:
Necessità? Incapacità? Calcolo preelettorale?
Introdurranno
Giorgio Izzo Gualandi, Loris Folegatti, Luciano Quadrelli, Angelo Rambaldi,
Marzia Zambelli.
Abbiamo invitato:
Giorgio Izzo Gualandi: Ass.ne Vivere in Centro;  Barbara Rinaldi, Maurizio Ravaglia e Piero Biavati: Al Crusél; Sergio Dalla Val: Progetto Emilia Romagna; Neva Fanti : Ass.ne Orfeonica; Luciano Quadrelli e Letizia Massani : Ass.ne S.to Stefano; Angelo Rambaldi: Officina delle idee; Loris Folegatti, Giuseppe Sisti e Pietro Maria Alemagna: Ass.ne Via Petroni; Francesca Marre : gli angeli pittori; Marzia Zambelli: Forum delle Associazioni; Deanna Scala: Progetto Sgura Bulaggna.
Ai quali sarà consegnata una pergamena di ringraziamento stilata dalla nostra Associazione.

******************************************************************************************************

“BOLOGNA, terra di Mafia” Pensavamo di averle sofferte già tutte circa la sorte della nostra amata Città ed invece ci é toccato anche di sentire questa affermazione, secondo alcuni giusta e vera, proveniente dai massimi vertici della magistratura locale e che sintetizza ampie indagini.
Questo... “Terra di Mafia”ci fa soffrire come non mai e dà un senso penoso al bilancio di molte vite.
Ci siamo però sentiti di reagire in un modo, non molto rituale, ma in grado di dire (anzi, urlare) a noi ed a chi vorrà ascoltarci, che esiste un'altra Bologna. Una Bologna che, con grande forza, dignità ed abnegazione, in silenzio, con troppo silenzio, opera, quotidianamente ed autonomamente, per dare nuovamente alla nostra collettività la dignità e la consapevolezza della nostra “civilitas”. Senza mai nulla domandare ad alcuno, per solo spirito di servizio.
Queste persone operano nei modi più difformi e con gli strumenti più vari: chi con la penna, chi con la parola, chi con la capacità organizzativa, chi con pennelli e scope, per ripulire una Città troppo sporca per tanti. Tanti strumenti, tutti diversi, tante persone, tutte diverse, chi eleganti e chi meno, chi alte e chi meno, chi grasse, chi magre, chi alte e chi basse, ma...per noi, tutte uguali.
A tutte, identicamente, va il nostro ringraziamento e la nostra riconoscenza più vera. In realtà queste persone  sono moltissime, e il 13 aprile ne ospiteremo un numero effettivamente alto, ma sempre inferiore alla realtà. Insomma, qualche assenza ci sarà, ma questo incontro vuole essere informale ed interlocutorio.
Queste presenze dovranno, soprattutto,  essere intese come rappresentative di una realtà sociale e culturale molto più vasta. Niente di più, ma anche niente di meno.
E' vero, domanderemo ad alcuni fra i presenti una assai sintetica rappresentazione della realtà di Bologna, ma questo incontro, più che una conferenza, dovrà essere inteso come una festa.
Già, un incontro festoso fra tante persone, a molte delle quali consegneremo una pergamena ricordo con dedica, un modo irrituale per fare sentire a tanti generosi concittadini la nostra riconoscenza.
Già... Un modo un poco strano per dire...”Grazie” a quella parte di Bologna della quale siamo orgogliosi. Quella parte di Bologna che ci fa fermamente sperare in una rinascita della Città.
Naturalmente l'incontro è aperto e ci auguriamo la massima partecipazione dei cittadini. Quelle persone lo meritano.

Nessun commento:

Posta un commento